Il caldo estivo é scoppiato! ☀
…e l’estate é senz’altro il periodo perfetto per farsi un tuffo nel Cilento.
Meta di questa nuova scampagnata é stata Pisciotta, Marina di Pisciotta per l’esattezza, il cui mare e le bellissime spiagge non faticano ad ottenere ogni anno il riconoscimento della Bandiera Blu. 🐚
Ed é proprio nelle acque pisciottane, nelle notti di mare calmo, che viene ancora oggi attuata una tecnica di pesca antichissima, risalente addirittura all’età degli antichi greci: “le Alici di Menaica”. Infatti, nonostante al giorno d’oggi esistano numerose e moderne tecniche di pesca, una flotta di una decina di famiglie di pescatori continua a tramandare e portare avanti questa antica tradizione.

E proprio i membri di una di queste famiglie, dopo averci accolto nel loro 🐟”Laboratorio Artigianale Alici di menaica” 🐡, ci hanno istruito a riguardo, illustrandoci nei dettagli ogni singolo passaggio dell’utilizzo della rete da cui prende il nome la tecnica in questione, “la Menaica” appunto.
Dapprima il giovane di casa Rambaldo, Marco, ci ha raccontato la storia di come il tutto sia cominciato a partire da un minuscolo magazzino, per poi spiegarci come la Menaica selezioni soltanto le Alici più grandi, lasciando quindi gli esemplari più giovani liberi di incrementare la propria specie, garantendo così un metodo di conservazione che può durare intatto nel tempo.

La “lezione” si é poi spostata sul molo del porticciolo ⛵ di Marina di Pisciotta dove il signor Vittorio ci ha mostrato le imbarcazioni con cui, all’imbrunire, si raggiunge il largo, dove vengono stese le reti, sbarrando il percorso delle Alici. Queste, una volta intrappolate, perdono velocemente gran parte del loro sangue. Con la forza delle braccia poi si tirano in barca le reti e, delicatamente, si estraggono dalle maglie, una a una, staccando la testa ed eliminando le interiora. 
Infine siamo nuovamente rientrati in laboratorio, dove le Alici pescate vengono immediatamente lavorate: prima si lavano in Salamoia e poi si dispongono in vasetti di terracotta, alternate a strati di sale, dove inizia la stagionatura.

Anche questa volta é stata un’esperienza davvero emozionante, da cui abbiamo appreso molto e ne deriveranno certamente spunti per l’arricchimento del nostro menù.🍕